Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio
We have 17 guests online
Facebook

Parrocchia San Marco Vecchio

Sunday, 30 December 2012 00:00

Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio

Written by 

“Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio”

All'età di 12 anni, Gesù resta a Gerusalemme. Non sapendolo, i genitori lo cercano con ansia e non lo trovano. Lo cercano “fra i parenti”, lo cercano “nella carovana”, lo cercano “fra i conoscenti”, ma fra tutti questi non lo trovano... Il mio Gesù non vuole essere trovato nella folla.

Senti dunque dove l'hanno trovato... perché anche tu possa trovarlo: “A forza di cercarlo, lo trovarono nel Tempio”. Non in un posto qualsiasi, ma “nel Tempio”, e non semplicemente nel Tempio, ma “seduto in mezzo ai dottori, mentre li ascoltava e li interrogava”. Anche tu, cerca Gesù nel tempio di Dio, cercalo nella Chiesa, cercalo presso i maestri che si trovano nel tempio e non ne escono. Se cerchi in questo modo, lo troverai...

Lo trovano “seduto in mezzo ai dottori, mentre li ascoltava e li interrogava”. Ancora adesso Gesù è lì; ci interroga e ci ascolta parlare. “Tutti erano pieni di stupore” dice Luca. Cos'è che li stupiva? Non tanto le sue domande, che pure erano mirabili, ma le sue risposte... “Mosè parlava – dice la Scrittura - e Dio gli rispondeva con voce di tuono” (Es 19,19). Così il Signore insegnò a Mosé ciò che non sapeva. Gesù interroga, Gesù risponde..., e per quanto sono mirabili le domande, le risposte sono ancor più mirabili.

Perché anche noi possiamo sentirlo e ci faccia delle domande a cui lui stesso risponderà, supplichiamolo, facciamo il grande e doloroso sforzo  di cercarlo, e potremo allora trovare chi cerchiamo. Non è senza motivo che la Scrittura dice: “Tuo padre ed io, angosciati, ti cercavamo”. Occorre infatti che chi cerca Gesù non lo faccia con negligenza e mollezza, senza costanza, come fanno alcuni... e che, per questo, non lo trovano. Quanto a noi, diciamo: “Con angoscia ti cerchiamo”.

 

Origene (ca 185-253), sacerdote e teologo, Omelie sul Vangelo di Luca, n° 18; SC 87

  

Pietro-e-Giovanni

Eugène Burnand, Pietro e Giovanni accorrono al sepolcro la mattina della Resurrezione.

Maria e Giuseppe, come Pietro e Giovanni, si misero a cercarlo con ansia ed affanno. Anche noi diciamo: “Con angoscia ti cerchiamo”.

In questo dipinto, Pietro e Giovanni corrono al sepolcro la mattina della Resurrezione: i volti segnati da un estremo realismo pittorico esprimono sentimenti diversi; Giovanni, la fede, trepida con lo sguardo e le mani e spera, è fiducioso: era sotto la croce di Gesù.
Pietro è drammaticamente segnato in volto, quasi a consegnarci le sue ansie, le sue paure, il tormento di aver rinnegato il Mestro...
Grande opera di un pittore svizzero vissuto a cavallo tra l'Ottocento e il Novecento, Eugéne Burnand (1898, museo d'Orsy).
Significativo il vento, che qui non sembra ancora soffio dello Spirito (non è Pentecoste), ma un turbine, un vortice, che scuote capelli, corpo e cuore.

 

Torna indietro

Read 2282 times