Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

Maturità Cristiana
We have 7 guests online
Facebook

Parrocchia San Marco Vecchio

Maturità cristiana

In primo luogo occorre rendere protagonisti e attori della Comunità parrocchiale i preadolescenti.

Se le ragazze ancora accettano un percorso educativo prevalentemente discorsivo, i ragazzi caratterizzati da grande esuberanza hanno necessità di esprimersi in forme vivaci, visibili, attive.
Certo occorre evitare l’attivismo ma neppure rimanere ancorati ad una formazione introversa e intimistica incapace di cogliere le domande di vita caratteristiche di questa età.

Cosa proponiamo?
La pedagogia del fare consapevole.

Essa mira a formare un gruppo di preadolescenti contenti di essere cristiani, aventi un rapporto personale con Gesù, significativamente presente e partecipe all’interno della comunità parrocchiale.
Si articola su esperienze simboliche di missione da vivere. Ogni esperienza cercherà di valorizzare il protagonismo educativo dei ragazzi, ovvero far crescere ragazzi capaci di partecipare alla missione della Chiesa, capaci di agire in maniera significativa, di dire cose importanti per tutta la Chiesa e la società.

È proposto un cammino di fede il meno teorico possibile fatto di sole di cose da sapere e da imparare.
È privilegiato il fare esperienza, il fare comunità, il fare Chiesa, lo sperimentare la forza trasformatrice e sanante del Vangelo, perché convinti che se la Chiesa non sa intercettare la voglia di essere grandi dei preadolescenti e dargli un fine, uno scopo, un senso, difficilmente riuscirà a far vivere loro un’esperienza ecclesiale significativa.

Comunita Il sapere senza l'esperienza religiosa è percepito dai ragazzi come sterile, e da molti inutile, insignificante per essi e la loro vita.
Li mandiamo a catechismo perchè ....
non per conformismo ("così fan tutti"),
non per tradizione ("ci siamo andati anche noi"),
non per imposizione ("se non frequentano non possono fare la Prima Comunione"),
neppure li mandiamo perchè imparino a star buoni ("a far star buoni ci pensano i Carabinieri").

Li mandiamo a catechismo perchè .... l'uomo ha bisogno di chi dia senso pieno alla vita!

Torna indietro